Carrello vuoto

GIROLAMO GRAZIANI (Pergola, 1604-1674) è una figura tra le più complesse e intriganti di tutto il Seicento. Fu diplomatico e uomo di stato per gli Este, con mansioni di prim’ordine (dal 1652 fu Segretario di Stato), ma solo dopo aver subito una serie di rovesci e sfortune che lo costrinsero per ben due volte all’esilio dal ducato di Modena.
Alla carriera politica affiancò, con notevole successo, quella letteraria: autore completo e capace di toccare tutti i generi, dall’epica (Cleopatra; Il conquisto di Granata - edizione commentata, Mucchi 2017) al teatro (Il Cromuele), dalla lirica (Rime) alla prosa epistolare, storica e politica (ancora in larga parte manoscritta), è tra i letterati più celebri del suo tempo, giustamente elogiato per la fondamentale importanza nel transito dal Barocco all’Arcadia.

Condividi

Eventi

Presentazione "Un osservatore e testimone attento" - Dipartimento di filologia classica e italianistica, Unibo

Un «osservatore e testimone attento»

Lunedì 18 novembre ore 15.00 - Università di Bologna, Dipartimento di filologia classica e italianistica

Presentazione "Iancura" - Amaneï libri, Santa Marina Salina

Iancura. Brevi racconti dall'isola di Salina

Lunedì 12 agosto ore 19.00 - Piazzetta di Amaneï libri, Santa Marina Salina