Carrello vuoto

Bels amics ben ensenhatz

C A T A L O G O / Filologia / Bels amics ben ensenhatz
Titolo:
Bels amics ben ensenhatz
Sottotitolo:
Studi in memoria di Luigi Milone
A cura di:
Giosuè Lachin, Francesco Zambon
ISBN:
9788870009408
Pagine:
219
Uscita:
2022
Formato cm
16 x 24
Prezzo di vendita35,00 €

Nel decennale della scomparsa di Luigi Milone alcuni dei suoi più stretti amici e colleghi hanno voluto dedicargli un volume di studi, per il quale è stato scelto il titolo di Bels amics ben ensenhatz, una delle espressioni con cui Giraut de Borneil si rivolge a Raimbaut d’Aurenga nel compianto funebre composto per la sua morte.
Dopo un primo contributo di Mario Mancini, che rievoca l’impresa – progettata assieme a Milone ma mai portata a termine – di una Antologia dei trovatori, offrendone alcuni materiali inediti, la prima parte del volume è dedicata al trovatore cui Milone ha dedicato quasi tutti i suoi studi, Raimbaut d’Aurenga, con saggi di Eduard Vilella, Costanzo Di Girolamo, Gerardo Larghi, Francesco Zambon, Luciana Borghi Cedrini e Walter Meliga. Seguono i contributi di Saverio Guida e di Fabio Barberini su altri due importanti trovatori, Raimon de Miraval e Bertran de Born, e alcuni lavori (di Sergio Vatteroni, Ivano Paccagnella e Rolando Damiani) riguardanti temi in qualche modo attinenti al medioevo in autori italiani antichi e moderni, fino a giungere al saggio finale di Silvana Tamiozzo Goldmann, dedicato a un altro poeta amato da Milone, Andrea Zanzotto. Il libro si presenta così come un ideale simposio in cui si intrecciano dialoghi con l’amico scomparso intorno ai temi che a lui erano cari.

A cura di
Giosuè Lachin e Francesco Zambon

LUIGI MILONE


Nessun indice presente.

Nessuna recensione presente.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.

Nessun extra.