Carrello vuoto

L'obiezione di coscienza degli operatori sanitari

C A T A L O G O / Diritto / L'obiezione di coscienza degli operatori sanitari
L'obiezione di coscienza degli operatori sanitari
Sottotitolo
(consultori familiari e graduale disordinamento)
Autore
Vannicelli Luigi
Uscita
1985
Numero Pagine
78
ISBN
978-88-7000-081-8
Formato cm
17 x 24
Prezzo base, tasse incluse10,00 €
Prezzo di vendita8,50 €

La diminuzione crescente delle natalità ed i problemi morali e giuridici connessi a tale fatto suggeriscono qualche riflessione, sulla scorta di leggi vigenti, con particolare riferimento all'istituto dell'obiezione di coscienza, formulabile dinanzi al potere di uccidere, in guerra come in pace, cioè pure dinanzi alla nascita di ogni nuovo essere. La sua formulazione può e deve compiersi nei confronti di tutti quegli interventi esterni che appaiono inaccettabili, magari sotto un profilo esclusivamente morale, a giudizio di chi in tali casi deve agire. Il giudizio peraltro deve fondarsi su criteri prevalentemente oggettivi e comprende quindi anche quello della "prudenza richiesta a chi disobbedisce pubblicamente alle norme dello stato, specialmente se già discusse in ambito democratico pluralista e laico, perchè a favore di esse esiste una presunzione di validità oltre alla considerazione del disordine che la disobbedienza civile, generalizzata a vari livelli, potrebbe comportare a danno di valori essenziali che restano valido fondamento degli ordinamenti costituzionali. Quindi non ogni grado di disapprovazione giustifica l'obiezione di coscienza". Ma prima di discuterne occorre ricordare la normativa e relativa problematica.

Nessun indice presente.

Nessuna recensione presente.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.

Nessun extra.